Marco Menghini - Blog di Copywriting e Web DesignCopywriting Scopriamo la Landing Page. L’amica del tuo successo.

Scopriamo la Landing Page. L’amica del tuo successo.

“God promises a safe landing but not a calm passage.” [cit. Proverbio Bulgaro]

Riuscire a deviare il traffico verso il tuo sito web non è un’impresa da poco, come abbiamo potuto vedere nell’articolo precedente, e talvolta può avere anche un certo costo. Il problema è che questo sforzo può diventare completamente vano, qualora la tua “pagina di atterraggio” (Landing Page) sia troppo povera o troppo confusionaria. Ricordo che una Landing Page non può corrispondere alla home page del tuo sito, ma deve essere una pagina fortemente orientata alla pubblicità, in quanto è la pagina in cui l’utente arriva cliccando sul tuo annuncio pubblicitario.

Landing Page

Ecco allora alcune regole per sviluppare una Landing Page di successo.

1) Allinea il tuo messaggio.

E’ probabile che un utente clicchi sul tuo annuncio per diversi motivi:

  • Perché fai una promessa.
  • Perché offri un regalo.
  • Perché fai una domanda.
  • Perché dai un avvertimento.

E’ possibile che più della metà dei visitatori che cliccheranno, abbonderanno inesorabilmente la Landing Page in meno di 5 secondi. Il miglior modo per trattenere l’utente nella tua  pagina è cercare di allineare il messaggio della Landing Page a quello dell’annuncio pubblicitario o del link che l’utente stesso ha visualizzato in primo luogo.

Se il messaggio del tuo annuncio offre un download, allora il messaggio della Landing Page deve dire subito chiaramente come effettuare questo download. Se il tuo annuncio, invece, fa una domanda che ha catturato l’attenzione del visitatore, la risposta a questa domanda dovrebbe essere messa in evidenza immediatamente nella Landing Page.

2) Allinea lo stile e il design.

Per esempio:

  • Se il tuo annuncio usa un testo di colore blu su uno sfondo giallo, allo stesso modo la Landing Page deve utilizzare questi colori.
  • Se usi l’immagine di un eBook nell’annuncio, la stessa immagine dovrebbe comparire nella Landing Page.
  • Se il tuo annuncio contiene la foto di una persona, quella stessa persona dovrà essere presente nella Landing Page.
  • Se un logo viene presentato nell’annuncio, allo stesso modo dovrà essere presentato nella Landing Page.

Allineando il design e lo stile degli annunci alle relative Landing Page, darai origine ad un’armonia visiva, creando un ambiente familiare e confortevole per il visitatore, e diminuendo così il numero di “rimbalzi”.

3) Elimina le distrazioni e i collegamenti non necessari.

Molte pagine web contengono 100 o più collegamenti interni. Le statistiche parlano chiaro. Non avrai l’azione desiderata, a meno che non diminuirai il numero di opzioni e scelte che il visitatore si troverà ad affrontare una volta “atterrato” nella tua pagina.

Per esempio. se vuoi che il tuo visitatore compili 10 campi in un form (nome, cognome, email, ecc…), ogni volta che clicca da un campo all’altro potrebbe essere distratto da un collegamento/link presente nella pagina, abbandonando così la pagina stessa, e diminuendo il tasso di completamento dei campi.

La soluzione?

Elimina tutti i collegamenti non necessari,  incluse le barre laterali o di navigazione. Questo aiuterà sicuramente ad avere un tasso di completamento del form più elevato.

4) Pratica il Principio di “Prominenza”.

Il principio della prominenza afferma che l’elemento visivamente più dominante di una pagina è l’elemento che ha più probabilità di ricevere una reazione dall’utente.

Molti fattori contribuiscono alla prominenza di un elemento nella Landing Page:

  • Una posizione più elevata è migliore di una bassa nella pagina.
  • Una posizione centrata è meglio di una ai lati. Centrare un elemento verticalmente e orizzontalmente aiuterà a focalizzarsi sullo stesso. Posizionare l’elemento ai lati aumenterà il rischio che non si veda.
  • Il grassetto, i colori contrastanti su sfondi chiari sono migliori e aumentano la prominenza, incrementando così una reazione. Un testo nero, in grassetto, su un sfondo di colore bianco potrebbe essere il modo più semplice per applicare questo concetto.
  • Che sia un testo o una immagine, se si tratta di farsi notare, più grande è meglio.

5) Metti il contenuto importante nella parte iniziale della pagina.

Purtroppo è vero: quello che il visitatore non vede, non lo cliccherà. Per questo motivo, il contenuto più importante deve essere inserito nella prima parte della pagina. Se l’utente deve scrollare per leggere il tuo contenuto, allora probabilmente abbiamo già fallito nel nostro intento.

Landing Page_1

6) Limita la lunghezza del bodycopy.

La vita su Internet viaggia alla velocità della luce. La gente è impegnata e si muove velocemente. E’ meglio dire poco con caratteri grandi, che dire tanto in un carattere piccolo. Generalmente, più sarà lungo il tuo testo, e meno il tuo messaggio verrà recepito dall’utente. Più è meno, e meno è più. Funziona così in pubblicità.

7) Concentrati sull’obbiettivo.

Quando crei una Landing Page, la domanda principale dovrebbe essere: “Cosa voglio spingere l’utente a fare?” La risposta dovrebbe essere abilmente costruita nella pagina stessa, sia attraverso l’uso delle parole giuste, che della grafica giusta.

  • Se vuoi una sottoscrizione alla tua newsletter, non nascondere questa opportunità in caratteri piccoli a lato della pagina. Posiziona il tutto centralmente e in un carattere più grande rispetto a tutto il contenuto della pagina.
  • Se vuoi vendere un libro, mostrane la bellissima copertina, tutti i punti vendita, e posiziona un bel pulsante “Compralo subito”.
  • Se vuoi che il visitatore metta “Mi piace” alla tua pagina Facebook, non inserire solo l’icona. Devi dare un comando esplicito: “Metti mi piace alla mia pagina Facebook”.

Questi naturalmente sono solo esempi per spingere il visitatore a concludere l’azione prestabilita (call-to-action).

Concludendo, la tua Landing Page dovrà contenere i seguenti elementi:

  • Headline potente
  • Grafica accattivante
  • Poco testo efficace
  • Call to Action

Non lasciare niente al caso. Devi renderti unico ed inconfondibile. Devi dire all’utente, visivamente e verbalmente, esattamente quello che vuoi che faccia. Nel prossimo articolo approfondiremo le Call-to-Action.

Keep in touch!

Tags:

No Comments

Leave a reply